WISHES OF A C

11.NOVEMBRE.2016
Piazza 5 marzo 2015
(via Umberto Giordano - Prato)

h18.00

Nel 2014 abbiamo realizzato un breve video intitolato Wishes of a G. È un ritratto ossessivo della Wishing Well (Fontana dei desideri) della Chinatown di Los Angeles, California. Il monumento è intitolato “Seven Star Caverns” — in riferimento alle montagne di Seven Star, in Cina, dove, secondo la tradizione locale, vanno a rifugiarsi gli immortali. L’artista americano Mike Kelley considerava la Wishing Well di Chinatown l’unica opera di arte pubblica di rilievo a Los Angeles e ne ha tratto una scultura – una copia in scala 1:1 – dal titolo “Framed and Frame”, nel 1999.
Wishes of a G è costruito su piani fissi della Wishing Well e girato con una telecamera analogica Hi8, è un personale tributo a Mike Kelley, scomparso nel 2012. Un memoriale etereo e leggero, sciolto nella grana delle immagini in movimento.

Wishes of a C è un intervento site specific, un’architettura temporanea ed effimera, della durata di un giorno, presentato in occasione della rassegna Body To Be (a cura di Kink- aleri), a Prato. Se Mike Kelley in “Framed and Frame” estrae un pezzo di spazio urbano (la fontana) e lo colloca nel Museo, Wishes of a C ri-occupa temporaneamente una Piazza della Chinatown di Prato e la trasforma in un’area ludica.
Wishes of a C si erge per un giorno all’interno del Macrolotto Zero di Prato – in percentuale la Chinatown più grande d’Europa – che si sviluppa, a partire dagli anni ‘80, poggiando sull’industria tessile pratese. Il Macrolotto è un centro di produzione e commercio cinese, inghiottito in una provincia italiana. Wishes of a C, dunque, si iscrive in un contesto di movimentazione economico-produttiva molto precisa: quello del sistema Pronto Moda pratese. 
La nostra fontana dei desideri è composta da un’autovettura di lusso e un carrello elevatore. Il gesto di buttare monete non è finalizzato all’acquisto di un bene, ma stimola un patto con la dimensione soprannaturale. Le monete non sono utilizzate per il loro valore economico ma diventano un veicolo simbolico. Tuttavia, circolano. Utilizzando mezzi su gomma destinati a muoversi e a trasportare merci e persone, Wishes of a C è sempre in potenziale movimento; sia orizzontale, sia verticale: il carrello elevatore come potenziale torre che puntano a regni ultraterreni.

Simone Bertuzzi (1983) e Simone Trabucchi (1982) collaborano con lo pseudonimo di Invernomuto dal 2003. L’immagine in movimento e il suono sono i mezzi di ricerca privilegiati del duo; scultura, editoria e pratiche dal vivo sono altre delle sue varianti. Tra le mostre personali: Africa Addio, pinksummer, Genova (2015), MALÙ, Istituto Italiano di Cultura, Toronto (2015), Artspeak, Vancouver (2015), Wondo Genet, AuditoriumArte, Roma (2015), Anabasis Articulata, Triennale di Milano, Milano (2014), Marsèlleria, Milano (2014), Negus – Far Eye, Museion, Bolzano (2014), I-Ration, ar/ge kunst, Bolzano (2014), The Celestial Path, GAMeC, Bergamo (2013) e Simone, Padiglione d’Arte Contemporanea, Ferrara (2011). Tra le partecipazioni in mostre collettive e festival: Unsound Festival, Cracovia (2016), 16a Quadriennale, Roma (2016), FAR°, Nyon (2016), Cinema Dynamo / Centre d’Art Contemporain, Ginevra (2016), Live Arts Week V, Bologna (2016), Nero su Bianco, American Academy in Rome, Roma (2015), La Scrittura degli Echi, MAXXI, Roma (2015), Glitch. Interferenze tra arte e cinema in Italia, PAC Padiglione d’Arte Contemporanea, Milano (2014), Black Star Film Festival, Philadelphia (2014), Così Accade, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino (2014), Terre Vulnerabili, Hangar Bicocca, Milano (2011) e Netmage 09, Bologna (2009). Nel 2013 sono stati finalisti del Premio Furla (Bologna) e hanno vinto il premio MERU ART*SCIENCE (GAMeC, Bergamo); nel 2016 sono finalisti del Premio Museion (Bolzano). Nel 2014 partecipano a Berlinale Talents (Berlino) e ottengono il fondo MiBAC per la finalizzazione di Negus, il loro primo lungometraggio, che esce a Marzo 2016. Attualmente Invernomuto è in residenza a Gluck50 (Milano) con il progetto Calendoola. Bertuzzi e Trabucchi portano avanti pratiche individuali nell’ambito della musica, rispettivamente con i progetti Palm Wine e STILL. Invernomuto vive e lavora tra Vernasca (PC) e Milano.
www.invernomuto.info

Invernomuto | foto Andrea Abati

Invernomuto | foto Stefano Roiz

Cesare Pietroiusti
Laboratorio

10 novembre 2016 h.15.30-18.30
spazioK  via Santa Chiara. 38/2 - Prato

 
 

[read more]

 

Invernomuto
WISHES OF A C

11 novembre 2016 h.18.00
via Umberto Giordano - Prato

 
 

[read more]

 

Cesare Pietroiusti
DISTRIBUZIONE GRATUITA DI OPERE INCOMPIUTE

12 novembre 2016  h.15.00-19.00
via Pistoiese, 142 - Prato

12 novembre 2016  h. 19.00
via Antonio Marini, 9 - Prato 

[read more]

 

Info & Tickets

[read more]