oggetto        
 storia           
 date               
 produzioni      
 formati       
   

anatomia del
gesto

Cartografie materiali e immaginarie del corpo
Laboratorio di danza per ragazzi delle scuole medie
Progetto: Kinkaleri
Con: Carla Bottiglieri, Thomas Greil

   
   


Con quale corpo danziamo? Di che cosa è fatto questo corpo? Pelle, muscoli, ossa, organi: a ogni sistema fisiologico corrisponde una qualità specifica di movimento che possiamo esplorare nei dati anatomici essenziali ed esprimere in forme danzate.
Una danza che parte dall’interno, dalle sensazioni del nostro corpo, per proiettare nello spazio una cartografia materiale e immaginaria. Un esercizio del sentire, per inventare altri modi di abitare il movimento: gli studenti sono invitati a riconoscere le qualità dei tessuti del corpo, a differenziare i luoghi d’origine di un gesto, a modularne la tonicità e la temporalità e a comporre ogni volta una presenza corporea specifica. L’approccio insiste sulla dimensione sperimentale e ludica dell’esplorazione, sollecitando l’attenzione e la sensibilità di ognuno al proprio corpo-strumento e incoraggiando l’invenzione singolare di un repertorio di gesti.
Il materiale e l’immaginario anatomico diventano in tal senso una carta di navigazione, delle risorse creative che trasformano e moltiplicano le danze possibili.
Il lavoro s’ispira all’anatomia esperienziale elaborata da Bonnie Bainbridge-Cohen, danzatrice, pedagoga e terapeuta americana, nella metodologia del Body-Mind Centering®.
Lo studio del Body-Mind Centering® include l’apprendimento cognitivo – fondato sull’anatomia e fisiologia tradizionali – e l’apprendimento esperienziale dei sistemi del corpo umano. Nella pratica, si tratta di passare dall’integrazione delle diverse qualità e materie delle strutture anatomiche all’esplorazione individuale delle nuove sensazioni registrate dal corpo: questo va e vieni costante tra sensazione e movimento, ridisegna ogni volta l’immagine « percepita » del corpo attraverso l’appropriazione di spazi interni – che il sentire dischiude alla coscienza – e la costruzione dinamica dello spazio esterno.

 

CARLA BOTTIGLIERI / Studia danza classica alla Scuola di Balletto “Cosi-Stefanescu” di Reggio Emilia fino all’età di 18 anni. Si forma alla danza contemporanea con Lucia Latour e Michele di Stefano, con il quale collabora dal 1992 al 1997 come interprete di tutti gli spettacoli. Si laurea in Lettere Classiche all’università di Salerno, con una tesi in Estetica sull’opera di Paul Valéry. Dal 1998 vive a Parigi. Qui continua a perfezionarsi in danza contemporanea approfondendo diverse tecniche come il contact-improvisation, le tecniche release, il Body-Mind Centering®, e contemporaneamente consegue un master in Estetica e Tecnologia delle Arti/ opzione Danza, presso l’università di Paris 8 Vincennes–Saint Denis. Lavora come danzatrice e assistente coreografa per varie compagnie in Irlanda (compagnia Half/Angel: Spinstren e The White Quandrangle, 2003-2005), in Francia (compagnia Traits de Ciel: Matières et Mémoires, 2004; Fiorenza Menini: Sans Titre, 2008), in Italia (Socìetas Raffaello Sanzio, 2004: assistente alla preparazione dell’episodio Marseille #10 / Tragedia Endogonidia; Kinkaleri, 2006: Nero2 e Nerone) e in Germania (Frédéric Gies: Dance (Praticable), 2008). Nel 2005 il suo primo lavoro coreografico « Ortensia » è selezionato nel programma di residenze europee « Terrains Fertiles » ed è presentato a Bucarest, a Vienna e a Parigi. Formata alle tecniche vocali Roy Hart con Enrique Pardo e Linda Wise (Panthéâtre, Parigi), integra il lavoro vocale nella sua ricerca sul movimento. Nel 2006 ha ottenuto il diploma di Somatic Movement Educator presso la scuola di Body-Mind Centering® a Northampton/MA (USA) e nel 2007 il diploma di Infant Developmental Movement Educator. Prepara attualmente un dottorato di ricerca sui metodi somatici e la loro applicazione in ambito terapeutico presso il dipartimento Danza dell’università Paris 8 e il dipartimento di Psicologia Clinica della Pontificia Università di San Paolo in Brasile.

THOMAS GREIL / docente di Body-Mind Centering, programma di formazione sviluppato dalla fondatrice del Body-Mind Centering® Bonnie Bainbridge Cohen sull'Educazione al Movimento in Età Evolutiva (IDME Infant Developmental Movement Education). Il programma IDME è altamente qualificato e innovativo e si basa sull’osservazione e sulla facilitazione di fondamentali pattern di movimento in neonati e bambini con uno sviluppo normale. Attualmente Thomas Greil è direttore dell’Associazione SOMA che rilascia il certificato BMC Program in Francia e a Bruxelles dal 2006. Tiene lezioni e classi a bodyworker e altri operatori di discipline somatiche, educatori della prima infanzia e degli asili nido, genitori e caregiver, pediatri, ostetriche, neuropsichiatri infantili, psicologi, fisioterapisti, terapisti dell’età evolutiva, terapisti occupazionali, logopedisti e audiologisti. I corsi IDME, accreditati e riconosciuti dalla School for Body-Mind Centering® (SBMC®), affrontano gli schemi neurologici di base, sensi e percezione, riflessi primitivi, reazioni di raddrizzamento, risposte di equilibrio (rrr)

 

DATE / DATES


13, 14, 16 /gennaio/ 2009
h. 17-19
in collaborazione con CanGo Accademia sull'arte del gesto
CAnGo Cantieri Goldonetta, via Santa Maria 25 Firenze
Prenotazione obbligatoria / ingresso gratuito
info+prenotazioni CanGo: cango@sienidanza.it tel. 055 2280525

/maggio/ 2009
Uovo Performing arts festival, Milano

25 /marzo/ 2009
Teatro Salvini, Pitigliano

 

BACK  
TOP  





   info@kinkaleri.it