MI WOR D

SI EMPTY

WITH UT +EL


Agorà
2009
dalla migrazione alla conoscenza
Cantieri d’arte

 

My world is empty Without you

video installazione



12 + 14 settembre 2009

Sieci, Pontassieve > ore 21 / Fabbrica Brunelleschi
Inaugurazione della mostra delle opere prodotte dal cantiere multimediale
Evento a invito

Agorà, progetto “Rete per la Cultura Contemporanea nel Levante Fiorentino” è realizzato da:
Comuni della Val di Sieve e del Valdarno, Comunità Montana Montagna Fiorentina
in collaborazione con: Kinkaleri, Centro Interculturale di Pontassieve

Nel progetto gli Enti Locali si fanno promotori di un’arte non solamente “importata”, ma realizzata “sul posto”, un’arte in cui il territorio diviene l’elemento centrale della produzione artistica sottoposto a nuove letture che lo valorizzano, lo trasformano e lo comprendono.
Questa volontà si è concretizzata nei CANTIERI ARTISTICI, spazi aperti alla creatività dell’artista, concepiti come modalità ideale per la crescita formativa di giovani artisti, finalizzati alla produzione di manufatti nati come frutto di esperienze vissute in loco: l’opera d’arte come specchio della dimensione sociale e come liaison tra l’artista stesso e i cittadini, il territorio, il pubblico.

La progettazione del cantiere Multimediale ed il suo svolgimento è stato affidato a Kinkaleri, gruppo nato nel 1995 da sempre coinvolto, nel proprio operare, con i molteplici codici del contemporaneo.

Il cantiere Multimediale ha finalizzato nei dieci incontri programmati con i giovani artisti del territorio quattro video-istallazioni, che hanno avuto avuto come punto di partenza la riflessione sulla piazza come luogo di incontro tra culture.
Il tema della piazza, dell’Agorà, nelle sue trasformazioni contemporanee, è un tema che arricchisce di riflessioni un sociale che mai come oggi propone delle modificazioni profonde nelle sue stratificazioni. Un luogo pubblico come la piazza, che per la nostra cultura è sempre stato un luogo di esposizione, teatralizzazione e qualifica sia spaziale che di rappresentazione, si trova ad accogliere nuovi interpreti. Il cantiere ha realizzato un manufatto artistico work in progress, frutto dell’interazione tra il tutor e gli artisti e tra gli artisti e il territorio, e ancora tra gli artisti, gli abitanti e il loro territorio.

L’allestimento in occasione dell’inaugurazione del 12 settembre del cantiere video, è composto da un’allestimento che prova a fornire piccole visioni sulla venuta del migrante e sulla sua frequentazione di spazi collettivi con stratificazioni complesse. Nelle proiezioni si manifestano concetti semplici, patrimonio di ogni cultura: la memoria, la fatica, la leggerezza, la presenza. Le installazioni propongono, con drammaturgie diverse, facce di una integrazione che sperimenta i suoi limiti e le sue nostalgie ma anche la sua dignità e la sua bellezza. I lavori presentati sono il risultato del lavoro comune tra un gruppo di giovani artisti del territorio coadiuvati e sollecitati dalla presenza di Massimo Conti uno dei componenti del gruppo Kinkaleri che ha fatto del lavoro in equipe e alla multivisione del mondo della rappresentazione uno dei suoi segni distintivi in questi anni.

Hanno partecipato al cantiere: Pamela Barberi, Francesca Campigli, Lorenzo Ciaccavicca, Fabio Corcione, Olga Pavlenko, Duccio Ricciardelli
Si ringrazia per la collaborazione e per la partecipazione al video: Maria Caterina Frani, Alessandra Maoggi, Laurent Epeme, Bledar Tafa, Don Tatha

INFO > E’ necessario confermare la partecipazione al n. 055 8360344
La mostraè visibile dal 13 al 19 settembre dalle ore 20 alle 22 su prenotazione
Info e prenotazioni: 055 836381 – 335 6498556
www.comune.pontassieve.fi.it/cint